Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Sab, 24/06/2017 - 08:14
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > "La discarica di Pisticci è ormai esplosa"

Interventi e commenti Pisticci

"La discarica di Pisticci è ormai esplosa"

Dura nota dei Cinque Stelle

di Redazione Basilicata24

"La discarica di Pisticci  è ormai esplosa"

Ormai siamo al disastro. Come era prevedibile (e non ci voleva tanto),  la discarica di Pisticci é al collasso. Rispetto ad un mese fa la situazione è notevolmente peggiorata perché , oltre a non  esserci più aree occupabili dai rifiuti, ora c’è un altro grosso guaio : le balle che dovevano andare all’inceneritore di Melfi sono intrasportabili. Non appena si tenta di prenderle si spappolano perché lasciate per troppo tempo a marcire. Immondizia su immondizia. Flussi incessanti, anche da altri comuni,  non smaltibili  in alcun modo. Una situazione infernale!  Al di là degli autoincensamenti della Amministrazione Di Trani sulla presunta capacità di gestire in modo “virtuoso” i rifiuti di Pisticci, resta la dura realtà. E cioè che Pisticci e Pisticci Scalo sono sempre più esposte alle emissioni pestifere della discarica, come lo sono i poveri cristi costretti a lavorare  in discarica che, pur di portare qualcosa a casa,  non si curano dei danni alla propria salute. E’ vero, lavorare è importantissimo, bisognerebbe però farlo in condizioni che  permettano di arrivare almeno ad una sessantina d’anni. Ed è vero pure che il nemico dei politici, purtroppo per loro,  sono i fatti.   Pisticci 5 stelle esprime  una condanna senza appello a questa politica ( non solo comunale, ma anche regionale) dissennata, testarda ed estremamente  dannosa per la salute pubblica e ribadisce il totale sostegno alla proposta di legge “Rifiutizero”, che prevede l’adozione di provvedimenti che mirano alla quasi totale scomparsa dei rifiuti tramite il riutilizzo, il riciclaggio, la riduzione degli imballaggi, la prevenzione, la raccolta differenziata spinta. Le soluzioni al problema ci sono, ma per conseguirle necessitano competenza, programmazione, impegno, collaborazione coi cittadini. Cose che finora sono mancate.

Mar, 08/12/2015 - 09:36
Stampa